Posta elettronica: minimizzare i rischi

  • Considerate un messaggio di posta elettronica come una cartolina: nessuno la legge durante il trasporto, ma molti possono intercettarla se vogliono. Non trattate temi troppo riservati e non fate affermazioni di cui potreste pentirvi in futuro.
  • Non spedite un messaggio a molte persone contemporaneamente mettendole tutte in copia. Prima di farlo, chiedetevi se sarà ben accetto oppure considerato una "seccatura" o un'offesa. In ogni caso, siccome i vostri destinatari non si conoscono tra loro, non è corretto far conoscere a tutti gli indirizzi degli altri. Usate la "copia carbone nascosta" (BCC o CCN) che non fa vedere gli indirizzi dei destinatari.
  • Considerate bene l'opportunità prima di usare BCC o CCN per inviare a qualcuno copia di un messaggio senza che il destinatario principale lo sappia. È un modo di tenere segreto il fatto che altri sono a conoscenza del contenuto inviato.
  • Difendetevi dall'invasione di messaggi non desiderati, cosiddetti spam: non sono solamente spazzatura, ma anche un rischio perché spesso portano virus o rimandano a siti di phishing nei quali è facile cadere dando le proprie credenziali di conti bancari o di credito per ritrovarseli prosciugati. 
  • Fate attenzione agli allegati ricevuti con messaggi da mittenti che non conoscete oppure da conoscenti che scrivono in modo non usuale: non apriteli, soprattutto se annunciano multe, fatture, ingiunzioni, perché contengono virus.
Ultimo aggiornamento: 
2020-12-29