Narcisismo e dipendenza dai social networks

2016-06-30

Silvia Casale, Giulia Fioravanti e Laura Rugai hanno pubblicato un articolo scientifico con il resoconto della loro indagine sul narcisismo di coloro che usano social networks. Risulta una significativa correlazione tra la preferenza per le interazioni online (rispetto a quelle fisiche) e il narcisismo "vulnerabile" che è la forma "nascosta" di narcisismo, caratterizzata da bassa autostima, timidezza e ipersensibilità al giudizio altrui su di sé. È la forma più frequente tra le ragazze, mentre il narcisismo "megalomane" è più diffuso tra i ragazzi ed è caratterizzato da arroganza e atteggiamenti di dominanza: i "megalomani" non temono manifestazioni esterne con rapporto fisico e sembrano meno soggetti a dipendenza dai social networks. I "vulnerabili" vedono nell'interazione digitale la possibilità di controllare meglio la presentazione di se stessi, per evitare i giudizi negativi. 

Anche se la popolazione intervistata è stata di maggiorenni, studenti universitari, queste considerazioni sono utili anche per i bambini e gli adolescenti e sono in linea con le numerose esperienze riportate da Sherry Turkle in "Reclaiming Conversation: The Power of Talk in a Digital Age".